Medicina Estetica

Ossigeno ozono terapia Roma – dr. Federico Berni

Ozonoterapia per la cellulite: quando le cellule riprendono a respirare la pelle diventa bella e sana

In Breve


• L’ossigeno ozono terapia per la cellulite è una procedura medica efficace e sicura
• Per combattere la cellulite con l’ozonoterapia occorrono 4 -6 sedute da fare una volta a settimana
• L’effetto buccia d’arancia tipico della cellulite è dovuto all’infiammazione, a sua volta determinata da problemi della microcircolazione
• Le cause della cellulite sono molteplici e vanno ricercate tanto nella predisposizione genetica quanto nelle abitudini di vita della paziente

Dr. Federico Berni


Vai alla scheda medico del dr. Federico Berni

Combattere la cellulite con l’ozonoterapia. A Roma nello studio del dr. Federico Berni per assistere alla procedura

L’ossigeno ozono terapia è una procedura molto versatile impiegata in varie branche della medicina. Nella scorsa edizione abbiamo dimostrato in che modo possa giovare come terapia di contrasto agli effetti di una malattia degenerativa come la sclerosi multipla ma gli utilizzi sono vari e notevoli. LINK
Il dr. Federico Berni, che a Roma esegue trattamenti con ossigeno ozono, questa volta illustra in che modo la Medicina Estetica utilizza l’ossigeno potenziato per combattere la cellulite.

Cellulite è il nome comune che indica una panniculopatia edemato fibrosa, ovvero una vera e propria patologia infiammatoria causata da un difetto della microcircolazione. Le cellule adipose situate prevalentemente nell’area inferiore del corpo, dunque dall’addome alle caviglie con maggiore incidenza nell’area di glutei e cosce, non metabolizzano i lipidi e diventano ipertrofiche determinando la sclerosi del tessuto connettivo con la formazione di trabecole e setti tra le cellule.
La cosiddetta buccia d’arancia è l’effetto visivo determinato dalla patologia, ovvero un aspetto della pelle interessato da frequenti e ravvicinate aree con avvallamenti.

L’ossigeno ozono terapia interviene per:
distruggere le trabecole della pannicolopatia che formano la cellulite
migliorare l’aspetto della pelle grazie all’azione drenante
snellire e smaltire le piccole gibbosità che alterano l’equilibrio
Quindi agisce sulle cellule adipose e sull’equilibrio tra le cellule che ricoprono la muscolatura nella zona trattata.

Procedura di ossigeno ozono terapia per combattere la cellulite

Nel video girato nel suo studio di Roma, il dr. Federico Berni mostra la procedura di intervento contro la cellulite:
• l’ossigeno ozono si inietta con un ago lungo 1,3 cm, quindi piccolo e sottile la metà rispetto agli aghi da insulina
• Il gas si diffonde con un raggio di 5 cm circa per ogni punto di inoculazione distruggendo il pannicolo
• la terapia agisce su un’area assai ampia rispetto al punto di inoculazione, portando a miglioramenti visibili anche in punti del corpo più distanti

La paziente del dr. Berni, alla quarta seduta, riconosce una diminuzione evidente del pannicolo anche a livello dei fianchi e una riduzione dell’accumulo adiposo sopra le ginocchia.

La paziente potrebbe ricevere le iniezioni sia da sdraiata che in piedi. Si è scelto di procedere da sdraiata, partendo dalla zona posteriore per agire su fianchi, glutei, coscia posteriore laterale e culotte de cheval per poi trattare la parte anteriore. Il trattamento è poco doloroso, le iniezioni contengono una concentrazione da 2 a 10 microgrammi di ozono per ml di ossigeno. Nel secondo caso si applicherebbero più aghi contemporaneamente nella parte frontale e superiore per raggiungere anche la circolazione periferica.
L’intero ciclo dura da 4 a 6 sedute che si svolgono una volta a settimana. Nei casi più difficili, al termine del ciclo di sedute, si sospende per un mese e si ricomincia. L’attività diuretica può essere agevolata dall’assunzione quotidiana di un drenante per bocca.


di Francesca Bubba

Vai alla scheda medico del dr. Federico Berni