Chirurgia plastica

Aumentare il piacere femminile con una puntura

Acido ialuronico per l’aumento del punto G. Più piacere per le donne, meno ansia da prestazione per gli uomini

In un’intervista sulla chirurgia intima maschile (pubblicata in questo numero), il dr. Giorgio Giovannelli ci ha parlato alla redazione di Infoestetica Mag di un intervento molto richiesto tra le donne: l’aumento del Punto G. Rivelazione che risolve il dubbio circa la sua esistenza e addirittura solleva gli animi dei più scettici dichiarandone la precisa collocazione anatomica. “Il punto G si trova in corrispondenza della massima curvatura della vagina, circa 4 cm dopo il clitoride”, afferma il dr. Giovannelli. Molte donne si rivolgono a lui per “ingrandirlo” e favorire più facilmente il raggiungimento del piacere poiché, trattandosi di un’area circoscritta, non è soggetta a stimolazione continua durante il rapporto. “Il pene tocca il punto G solo nel momento della penetrazione, superata la penetrazione non lo tocca più dopo no perché la curvatura della vagina impedisce il contatto – ha continuato il dottore - . Un’iniezione a base di acido ialuronico favorisce una tumescenza alle spalle del punto G e l’aumento dell’area più sensibile allo stimolo del piacere”. L’acido ialuronico genera quindi l’estensione dell’area. L’aumento del Punto G è un intervento che non ha eguali nell’ambito della chirurgia intima. Se agli uomini è concesso intervenire sulle dimensioni o assumere farmaci per migliorare le prestazioni, non esiste un intervento di chirurgia intima maschile in grado di agire sullo stimolo del piacere.


di Teresa Peccerillo