Emanuela Tittocchia instagram, alimentazione, fitness…tutto quello che c’è da sapere sulla nota opinionista

Emanuela Tittocchia instagram, alimentazione, fitness…tutto quello che c’è da sapere sulla nota opinionista

In breve

 

Emanuela Tittocchia alimentazione: Da quando sono ragazza mangio di tutto ma poco

Emanuele Tittocchia fitness: Ero una macchina dipendente, ora cammino tantissimo, va bene e mi scarica

Emanuela Tittocchia bellezza: Uso tanto kajal dentro all'occhio. Anche all'Isola mi truccavo con il carboncino, facevo ombretti bellissimi

Emanuela Tittocchia Instagram: I social mi piacciono anche perché da quello che mi scrivono le persone capisco cosa piace e cosa no

 

"Il rapporto che noi abbiamo con il corpo è quello che abbiamo con noi stessi"


Emanuela-TittocchiaIl suo sorriso conquista, la sua bellezza incanta, la sua simpatia trascina. Emanuela Tittocchia è un vulcano in eterna eruzione tra televisione, teatro e nuovi progetti. Il suo è un curriculum di tutto rispetto. Laureata in Architettura, Emanuela Tittocchia esordisce a teatro nel 1994 e da lì la sua carriera decolla: attrice in popolari fiction come "Centrovetrine" e "Un posto al sole", conduttrice delle rubriche "Lettere sull’amore" e "Dai set delle fiction" a Mattino 5 e Pomeriggio 5, ma anche ospite di tante trasmissioni Rai e Mediaset. Poliedrica e travolgente, Emanuela ci ha raccontato come vive il rapporto con il suo corpo, le sue abitudini in tema di benessere e alimentazione e

 

Emanuela che rapporto hai con il tuo corpo?

 

Adesso molto bello. Però è stata una conquista molto lunga e faticosa. Penso che il rapporto che noi abbiamo con il corpo sia quello che abbiamo con noi stessi. Più ci piacciamo a 360 gradi più ci piace il nostro corpo anche nelle imperfezioni. Nessuno di noi è perfetto, anche quelli che vediamo in tv. E' una questione personale. Ho amiche che hanno qualche chilo in più e si piacciono e questo è bellissimo. Io mi sento a mio agio più asciutta ma questa è un mio modo di sentirmi bene. Ognuno ha il proprio. Sicuramente più sono soddisfatta del mio lavoro, della mia vita e mi voglio bene, più mi piaccio e anche se sono qualche chilo in più mi vedo bene.

 

Hai parlato di "conquista", perché?

 

Quando avevo 18/19 anni ho sofferto di anoressia. In realtà il problema non era legato solo all'aspetto fisico era legato a qualcosa che va oltre. Un rifiuto della vita e di ciò che stai vivendo. Mi sono analizzata tante volte nel corso degli anni, credo sia è stata una sorta di ribellione a quello che non andava in quel momento. Volevo fare questo mestiere e i miei genitori, seppur speciali, non mi capivano. Erano gli anni '90 e voler fare questo lavoro sembrava una pazzia per loro e sono entrati in protezione. Ho portato avanti gli studi, mi sono laureata in architettura e mi è piaciuto, ma allo stesso tempo non mi sentivo a mio agio in quello che stavo facendo. Volevo fare televisione.

 

Oggi, se parliamo di alimentazione, qual è il tuo rapporto con il cibo?

 

Io da quando sono ragazza mangio pochissimo. Di tutto ma poco. Sono andata da un nutrizionista (Nicola Sorrentino, ndr), mi ha fatto tutti gli esami quelli del sangue, la misurazione del grasso e mi ha chiesto come mangio e io gli ho detto che faccio così da 30 anni: non mi limito, mangio zuccheri, faccio aperitivi etc. Mangio quello che serve al mio corpo e lui, vedendo come sto, la mia età, il grasso, le analisi e le mie abitudini mi ha detto: "Continua così". Io credo che ognuno si debba ascoltare. Non è detto che quello che va bene per gli altri vada bene per se stessi. Ho scelto di confrontarmi con un nutrizionista proprio per capire se sbagliavo o se il non mangiare frutta e verdura poteva essere un problema. Personalmente tendo a non mangiare pasta perché non piace, ma mangio pizza. Bisogna partire dal presupposto che se si forma il grasso sul corpo è perché stiamo mangiando più di quello che ci serve.

 

Parliamo di fitness, come ti tieni in forma?

 

Emanuela-Tittocchia3
Non sono mai andata in palestra, ma devo dire che da piccola ho fatto tanto sport. Pallavolo, calcio, pattinaggio. Crescendo ho fatto tanto hydrostep, aquagym, molto sport in acqua perché mi stufo in palestra, un po' aerobica. Però io cammino tantissimo. Stando a Roma ero una macchina dipendente ma per scelta ho deciso di stare senza e devo dire che questa cosa mia fa camminare molto di più. Se devo andare a un appuntamento in centro, invece di prendere il taxi mi faccio un pezzo in metro e poi scendo prima e faccio tre/quattro chilometri a piedi. Mi serve anche per scaricare l'adrenalina tipo quando facevo teatro. Fa benissimo.  

 

Raccontaci qualche tuo segreto di bellezza: hai una beauty routine?

 

Sinceramente? Mi dimentico!! E pensare che ho la pelle secca. Non sono costante, ho la testa in mille cose e non riesco ad avere una routine.

 

Invece ti piacciono i trattamenti estetici. Sui social ti vediamo spesso mentre ti concedi qualche momento di relax.

 

Sì! Mi piacciono tantissimo i fanghi, soprattutto quelli anticellulite. Poi amo i massaggi e come uno scambio energetico con chi li fa. Anche i macchinari mi piacciono molto ma se abbinati ai massaggi. Se posso vado in una Spa e mi prendo del tempo per me, una cosa che non riesco a fare a casa.

 

C'è qualcosa a cui proprio non rinunci, tipo la cura dei capelli o le unghie?

 

Sinceramente un po' tutto anche per il mio lavoro. Io sono così, per me guai a non avere i capelli in  ordine. Faccio molta attenzione a queste cose perché mi sento a disagio. Quando non ho le unghie sistemate non mi sento bene. Mani, piedi e capelli devo essere a posto.

 

Quindi per te la bellezza è importante?

 

Per me è molto importante ed è importante per il mio lavoro. Io penso che ci sia una responsabilità nei confronti di chi ci guarda: avere cura di se stessi, della propria immagine a 360 gradi, avere gusto, non essere trasandati. Tutte le persone che fanno il mio lavoro dovrebbero avere questa responsabilità. Non sopporto chi va in televisione sciatta, è una questione di rispetto nei confronti della trasmissione o dell'evento che ci ospita. Io quando organizzo degli eventi sugli inviti scrivo sempre: "Venire eleganti". Chi non lo fa ha una mancanza di rispetto nei confronti del pubblico e di chi ti ha invitato. Molti hanno questo atteggiamento superficiale.

 

Quindi parliamo di Sanremo e dei look visti all'Ariston. Top e flop?

 

Non mi sono piaciuti tutti questi che hanno fatto il carnevale anticipato. Mi ha colpito positivamente, invece, l'eleganza di Drusilla Foer pensa, un uomo che porta la femminilità così bene. Ho notato la sua ricerca nel look, che è quello che faccio io. Ho due stilisti bravissimi siciliani che fanno delle cose pazzesche. Quando ho fatto la direzione artistica dell'opening a Sanremo e Casa Sanremo hanno creato un vestito su misura per me. Il bello è anche questo: riuscire a creare un indotto. Drusilla ha fatto conoscere un artigiano piuttosto che una firma famosa. La ricerca della bellezza è anche nella scelta degli abiti. Poi succede anche - come allo show di Baglioni - che sono andata in scena con un vestitino rosa laminato comprato in un negozietto a Roma. Uno non deve spendere un miliardo per essere vestito bene.

 

Si vede che sei molto attenta a questi dettagli.

 

Mi piace sperimentare. Spesso mi trucco e mi faccio i capelli da sola per i miei spettacoli o eventi. A volte uso le extension e accessori per capelli perché adoro scovare queste cose e provarle. Trovo bello scoprirci con altri look o vedere se ci piacciamo di più. Io, ad esempio, uso tanto kajal dentro all'occhio. Anche all'Isola mi truccavo con il carboncino, facevo ombretti bellissimi. Mi diverto, provo cose nuove, ora ho scoperto le ciglia magnetiche che sono più facili da applicare. Basta poco per cambiare.

 

Non hai mai nascosto di esserti sottoposta ad alcuni interventi - come quello al seno che tra l'altro ha avuto un risvolto drammatico - cosa pensi della chirurgia estetica?

 

Ho rifatto il seno e sono stata molto male. Ho avuto un'emorragia interna e ho rischiato di morire. In realtà non ho mai fatto molta chirurgia, ma ogni tanto - anche se fortunatamente ho iniziato tardi - qualche punturina di acido ialuronico le faccio. E mi piace perché mi vedo sempre uguale, non mi vedo cambiata, solo il visto è con meno rughe e tonico. Ma non mai fatto gli zigomi o le labbra. A dire il vero seguo anche i consigli dei professionisti per non esagerare. Io non voglio cambiare, voglio migliorare.

 

Cosa rappresentano per te i social, hai un buon rapporto con il web?

 

Sono molto attiva. Io non nasco dai social essendo di un'altra generazione, ma mi sto appassionando. Ho quattro profili Instagram, Facebook, Twitter e Linkedin. Facebook è quello che mi funziona di più, forse perché ce l'ho da più tempo; Instagram mi piace molto e ho oltre centomila follower. E' faticoso utilizzare quattro linguaggi diversi, ma i social oggi sono utilissimi anche per il lavoro. Spesso ai provini ti chiedono quanti follower hai. I social mi piacciono anche perché da quello che mi scrivono le persone capisco cosa piace e cosa no. Ascolto molto l'umor di chi ho intorno. Cerco di stare attenta. Spesso mi scrivono e io rispondo sono aperta allo scambio, anche se non riesco a rispondere a tutti.

 

Sei impegnatissima tra teatro e televisione. C'è qualcosa però che in questo momento ti manca? Un progetto chiuso nel cassetto?

 

Sì, tante cose. Un'artista non è mai realizzato, io adesso farò una trasmissione nuova e ho tanti altri progetti, ma la conduzione di qualcosa di mio rimane il mio sogno. Ho fatto l'inviata, condotto rubriche etc, ma una trasmissione tutta mia non l'ho mai fatta. Una chiacchierata tra donne, sulla vita, sull'amore, uno show bello e colorato. Vediamo cosa ci sarà in questo mio futuro.