Smagliature addio, arriva il laser che le rende invisibili

Un laser per vincere rughe, cicatrici e smagliature

Abbiamo raggiunto la dr.ssa Michela Cempanari nel suo studio al centro di Roma. Eravamo d’accordo che avremmo parlato del resurfacing ma nel corso della conversazione ci ha rivelato un’importante novità.

Dottoressa, che cos’è il resurfacing?

“Il resurfacing è il rimodellamento degli strati più superficiali della cute che si ottiene tramite una tecnologia laser che effettua delle microcolonnine termiche all’interno della cute, in modo tale da stimolare gli strati più profondi del derma. In questo modo si ottiene una stimolazione di nuovo collagene e di nuove fibre elastiche che sono i nostri fondamenti della cute e si rende il viso più luminoso e giovanile. La conseguenza è il rimodellamento delle rughe più superficiali ma soprattutto delle rughe perioculari e perilabiali, quelle del décolletè e del collo. Questo trattamento è utile anche per esiti cicatriziali da acne o da chirurgia, sia per le cicatrici atrofiche che per le cicatrici cheloidee, ovvero quelle rilevate che tendono a debordare e infine è un trattamento per combattere le smagliature tanto odiate da noi donne. Sia smagliature ancestrali che appaiono bianche, sia quelle recenti rosse.”

Sta dicendo che esiste un rimedio alle smagliature? Credevamo fosse impossibile eliminarle!

“Questa tecnologia è l’unica approvata negli USA dall’FDA (Food & Drug Administration) per il trattamento delle smagliature.
Quest’ultime come ben sappiamo, sono vere e proprie cicatrici poiché non contengono elastina al loro interno. Con questo trattamento si ottiene un effetto ottico che permette di renderle meno visibili anche se non regrediscono del tutto. In estate si scuriscono così come la cute circostante. In pratica le smagliature non vengono del tutto eliminate, ma diventano praticamente invisibili.
I costi vanno da 150 a 300 euro a seduta, a seconda della zona da trattare. La durata dipende dal singolo paziente e i risultati si hanno dopo circa 5/6 mesi”.

C’è un periodo dell’anno in cui si consiglia di fare trattamento?

“Il trattamento va fatto nel periodo invernale affinché la pelle sia bianca. Le sedute devono avvenire ogni 4-5 settimane per avere un risultato ottimale e non creare danni al paziente stesso.
Alla fine del trattamento si applica una crema antibiotica come la gentamicina e la protezione solare per evitare l’iperpigmentazione post-infiammatoria da laser. Controindicazioni importanti possono verificarsi in pazienti con cicatrici cheloidee perché è sconsigliato un trattamento di resurfacing sul viso di un paziente con tendenza genetica a sviluppare cheloidi.”

Vai al video della dr.ssa Michela Cempanari

di Giancarlo Loiacono e Teresa Peccerillo



Commenta l’articolo

Fai una domanda al medico